deglutizione

La deglutizione

La deglutizione è un atto fisiologico che permette il trasporto del bolo dalla cavità orale allo stomaco, ma anche di sostanze liquide, solide e gassose.

Le conoscenze sulla dinamica della deglutizione hanno subito una importante accelerazione, negli ultimi decenni, con la possibilità di effettuare studi in vivo. Una corretta deglutizione riveste un ruolo centrale per lo sviluppo armonico dell’individuo. In questo complesso sistema la lingua è la struttura cardine; ha diverse peculiarità che non rientrano solamente nell’ambito della semplice biologia, ma arrivano ad estendersi all’ambito delle scienze umane e della comunicazione. Non solo, la lingua per il neonato è come organo di esplorazione e conoscenza, ma anche propulsore dell’alimento materiale del corpo, il cibo; ma c’è di più: la lingua come facilitatore della veicolazione dell’ossigeno.

L’incidenza delle patologie deglutitorie globali è intorno al 20% della popolazione ed è in aumento, mentre l’incidenza della deglutizione atipica è del 20-30 % circa della popolazione infantile.

La deglutizione si può suddividere in tre fasi tra cui la fase preparatoria, la fase orale e la fase faringea.

Nello specifico la prima fase, la fase preparatoria, inizia quando viene inserito in bocca il cibo, il quale viene triturato, insalivato e miscelato, attraverso l’azione coordinata della macchina muscolare costituita dai muscoli della lingua, della mandibola e delle guance. Questa fase richiede e mette in gioco la coordinazione neuromuscolare di diverse strutture tra cui la fascia labiale e la chiusura labiale, la muscolatura del volto e la tonicità della muscolatura labiolinguale, i movimenti della mandibola, i movimenti della lingua e i  muscoli del palato molle e la chiusura orofaringea.

Nella fase orale, invece, i denti vengono in contatto, la lingua opera un movimento verso l’alto ed indietro, in un’azione sequenziale di compressione e srotolamento verso il palato, spingendo così il bolo in faringe, attraverso un movimento ad onda, per immersione e sfruttando il contenimento anteriore del cavo orale. Questo è reso possibile grazie all’azione coordinata, sinergica e progressiva dei muscoli linguali.
La fase faringea è il un momento critico del processo di deglutizione, poiché corrisponde al superamento del carrefour aereo-digestivo (zona dove le vie digestive incrociano le vie respiratorie)  ultima protezione delle vie aeree, abbiamo la chiusura dello sfintere laringeo effettuata dalla contrazione delle corde vocali.

Non è possibile parlare degli organi della deglutizione senza prendere in considerazione le funzioni respiratoria e fonatoria. Una chiave di lettura e interpretazione di queste tre funzioni fondamentali della vita di relazione può essere quella di considerare la deglutizione, la respirazione e la fonazione come il rapportarsi dell’organismo al mondo esterno.